DolORI e allORI 2016

Dai che quest'anno riesco a battere Stegal sul tempo...

Ecco, ledis end gentlement, il meglio e il peggio del mio ori-2016, e lo so che non gliene frega una cippa a nessuno, ma se la concorrenza è Azimut,anche il mio blog (uno dei pochissimi superstiti) diventa una lettura appassionante. A proposito di Azimut, incredibile come su quelle pagine riesca a risultare palloso persino Stegal!

Insomma, beccatevi sta classifica, e arrivederci all'anno prossimo.

5° posto - I Coppa Italia - Barbisano
In palio c'era solo la prima di coppa Italia, ma la prima gara in bosco, per il morale, vuol dire tanto. Era una di quelle tratte che c'è una scelta facile per quelli un po' zucconi o che non sono ancora entrati bene in carta, e una un pelo più rischiosa per quelli tecnicamente forti o che ormai padroneggiano il terreno. Io ho deciso che alla terza lanterna della prima di coppa Italia ero pronto per gettarmi nella mischia. Solo che sono stato un pelino troppo altino e sono andato un pelino troppo avantino e meno male che quando stavo uscendo dalla 4 mi sono accorto che c'era qualcosina che non tornava. Oltretutto, non c'era nessun bisogno di mandare in vacca la gara così presto, dato che poi c'era la famigerata zona rocciosa in cui avrei potuto farlo con tutto comodo.


4° posto - Tratta 12-13 II Coppa Italia - Cansiglio
Il Cansiglio è uno di quei posti bellissimi tipo Barricata, dove o ne esci estasiato o in lacrime. Io ne ero già uscito in lacrime l'anno scorso. Beh, anche quest'anno. Seconda coppa Italia in bosco, ho corso alla grande fino alla 12, sono ad un minutino da un certo Mario Ruggiero, e tutti gli altri sono dietro. La 13 è la lanterna più facile dell'universo, basta proseguire nella direzione da cui sono arrivato, forse si vede pure già uscendo dalla 12. Ma io invece curvo a 90° e corro e corro e corro fino a che becco con precisione la lanterna, solo che è la 16. Immagino ci sia chi dice che questo dimostra che io dovrei smettere di fare orientamento, ma il bosco era troppo bello per non provare a tornarci l'anno prossimo.


3° posto - Tratte 1-2-3 e 10-11-12
Va bene, non è un solo errore, e non sono stati neanche errori tragici, ma se una volta nella vita aveste battuto Rigoni e in queste 4 tratte (su 23 lanterne) aveste perso 39'', finendo per perdere l'oro agli italiani sprint per 36'', secondo me fra i dolORI ce li mettereste anche voi. Ci riproverò.


2° posto - Tratta 6/10 Fin.Cop.It. S. Gimignano 
Non è una tratta, è un intero loop saltato per troppo entusiasmo, o perché avevo in mano la cartina storta e il 6 mi era sembrato un 9. Resta il fatto che il resto veloce del mondo a fare quel loop ci ha messo un tempo che mi avrebbe permesso comodamente di accomodarmi subito dietro a Maddalena e davanti a Ruggiero.


1° posto - Tratta 0-1 Campionato Italiano Middle Calaita
Se perdeste il bronzo agli italiani middle in uno dei posti più belli del pianeta, per 20'', e l'argento per 40'', e aveste buttato 1'10'' andando alla 1, voi cosa direste? E se il bronzo l'avesse preso quello che il giorno prima vi ha portato via l'oro agli italiani sprint? E se la 1 fosse stata davanti ad una forma del terreno, che si vedeva da 100 km di distanza? E se fosse dal 2010 che tentate di vincere una cavolo di medaglia tutta per voi agli italiani middle? E se con la medaglia ai middle avreste fatto tris di medaglie agli italiani?


allORI

5° posto - I e II prova Sprint Race Tour - Pieve di Soligo e Revine Laghi 
Mezzo+mezzo minutino dal Perfido Ruggero, in quelle che hanno dato il via alla nostra acerrima e divertentissima (almeno per noi) rivalità di questo 2016. Due secondi posti in Sprint Race Tour, che per uno che si è allenato tutto l'anno per le ultra da 100 km in montagna, sono state gradite sorprese. A onor del vero, nessuna delle due aveva un tracciato memorabile, ma un podio nazionale è sempre un podio nazionale... 

4° posto - O-marathon a passo Vezzena
Va bene, è una manifestazione che non è mai decollata, e il numero di partecipanti è sempre imbarazzante. Però in M35 c'erano pur sempre Cipriani e Hueller, e in ogni caso erano anni che cercavo di vincerla. A questo si aggiunga che il tempo atmosferico era tale da far sembrare degli assoluti imbecilli o dei fantastici eroi quelli che hanno partecipato. A voi la scelta. 

3° posto - Campionati italiani long a Sgonico Lo so, è imbarazzante mettere sul podio una gara in cui ho preso 24 minuti dal primo e 8' dal secondo, ma il primo era Denny Pagliari sceso inopinatamente in M35, e il secondo un Roland Pin sul suo terreno preferito e in grandissimo spolvero. E poi, un bronzo agli italiani long, su un terreno infidissimo (dove un certo Ruggiero è naufragato a metà classifica) non si butta mai via. 

2° postoCampionato Italiano Sprint Caoria Croce e delizia del mio 2016 è sicuramente la gara nella quale per la prima (e forse ultima...) volta ho battuto Rigoni, ma battere lui non è stato abbastanza per vincere l'oro agli italiani sprint, che, con questa, mi è sfuggito di un soffio per la quarta volta (e solo Stegal potrebbe dire se mai qualcuno ha vinto 4 medaglie d'argento agli italiani sprint, tutti in M35, ma mi sa proprio di no). 

1° posto - Finale Sprint Race Tour Siena 
Non era un campionato italiano, ma la lochescion aveva decisamente il suo fascino, ed era anche l'ultima possibilità per battere il perfido Ruggiero prima dei lunghi mesi invernali. E pare che quelli che mi hanno fatto compagnia sul podio (ma sui gradni sotto...) avessero vinto delle cose tipo i mondiali master o roba del genere, lasciando comunque ancora più indietro quello che Stegl (sì, ancora lui) definisce il miglior orientista che abbia mai corso in Italia. Anche uno notoriamente un po' difficile come me può essere moderatamente soddisfatto, no?

Commenti

  1. Direi che ne è passata di acqua dell'Avisio sotto il ponte, rispetto ai tempi nei quali gli allORI o i dolORI erano quelli delle Oricup o Campionato Trentino o Trofeo CSI...
    Bravo Dopolavori!
    Ps: se valgono le PM, io Maddalena lo avevo battuto prima di te!
    PsPs: Ah... non valgono?!? :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh, lo so, purtroppo nel 2017 l'Oricup è stata avida di soddisfazioni per me, cercherò di rifarmi nel 2017.
      temo che effettivamente i PM non valgano...

      Elimina

Posta un commento

non lasciate commenti anonimi, suvvia...

Post popolari in questo blog

Trento - Cima Ghez, con brivido

Il mio Adamello Ultra Trail

Trail autogestito in Marzola